• facebook
  • google-plus

Edil Laurentina srl

Home » Rubrica » Una Casa in Stile Industriale
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Una Casa in Stile Industriale

Un ingegnere meccanico ha trasformato il suo appartamento in un rifugio informale, le cui porte sono sempre aperte per gli amici

A causa del lavoro vive da solo in un appartamento di 130 metri quadrati.

All'inizio l'ingegnere era piuttosto riluttante ad ammettere che nella progettazione fai da te si fosse fatto ispirare dalla professione svolta.

Oggi invece, dato il risultato ottenuto dal nostro lavoro, l'appartamento progettato dai Fratelli Cantarini era in pessime condizioni con una ristrutturazione profonda è rinato a nuova vita.

PRIMA. Nell'agosto del 2014 è cominciata la maratona della ristrutturazione. La complessità poneva una sfida quasi ogni giorno. Un mio caro amico falegname, ha fatto sì che i miei sogni e quindi i miei progetti divenissero realtà. Ma ci sono stati momenti in cui le mie idee hanno messo davvero alla prova la nostra amicizia".

L'appartamento era in uno stato fatiscente, gli spazi sono stati riprogettati da zero. Solo alcuni dettagli, come lo stucco lasciato in parte "grezzo", ricordano ancora oggi lo stato originale.

DOPO. "La cucina progettata aveva necessità di una certa inventiva soprattutto per l'isola. Il piano in cemento è stato creato e modellato sul posto. Muovere e alzare il piano da 185 chili è stato uno sforzo enorme. L'ingegnere non ha lasciato al caso neanche i dettagli. È stato un lungo processo. Le maniglie degli armadietti fatte fare ad hoc. La struttura che sostiene il piano della cucina serve per ritirare le pentole e gli altri utensili ed è provvista di ante in lamiera forata". Per sedersi a fare due chiacchiere in cucina ci sono i due sgabelli Twist Stools.

La cucina è il risultato di duro lavoro e grande amore per il dettaglio. La scala da biblioteca era per Alberto un must, anche se è stato complicato trovarla. I componenti per il modello nero con ruote sono infine arrivati.Gli anni passati hanno influito in maniera decisiva e non ha voluto rinunciare ad alcune cose.

Prendendo una scala e dotandola di ripiani, si ottengono simpatici scaffali da cucina molto informali. Le sedie da bar sono l'abbinamento perfetto.

Non solo la decorazione del soffitto ma anche l'intera parete rustica ricordano lo stato grezzo prima della ristrutturazione. Al posto delle tradizionali opere d'arte appese alle pareti vengono qui sfoggiati i disegni del progetto di ristrutturazione.

"L'ispirazione per la maggior parte delle mie idee mi è venuta dalla vita vissuta insieme ai miei amici. Volevo che da me si sentissero come a casa. Per quelli che amano cucinare ho fatto in modo che potessero raggiungere facilmente tutti gli utensili necessari senza dover interrompere quello che stanno facendo. Ecco il motivo dell'isola. Quando siamo in tanti, il tavolo della cucina in teak può essere allungato per ospitare anche 14 persone".

Chi preferisce una conversazione più intima può mettersi comodo sulla Butterfly Chair con sgabello nell'angolo dedicato ai libri. Come quasi tutti gli altri mobili, anche la libreria è stata realizzata secondo un progetto di Alberto, che ha minuziosamente cercato la giusta essenza di legno. Per conferire al legno nuovo l'aspetto patinato tipico del legno di recupero, Alberto ha lavorato per cinque giorni interi.



Quello che oggi è il salotto, chiamato affettuosamente "lounge" dal proprietario, prima veniva usato come laboratorio.

La camera da letto del colombiano ha un letto a soppalco. Anche questa struttura in travi d'acciaio massiccio e legno non è stata per nulla semplice da realizzare.



Una cassaforte e aste appendiabiti a vista sostituiscono il convenzionale armadio a muro. Osservando la semplice gamma di colori dell'abbigliamento di Alberto, è immediata la sua predilezione per il bianco e nero. "Quando sono cominciati i lavori di ristrutturazione, mi sono spremuto il cervello alla ricerca di una combinazione cromatica adatta per l'appartamento. Dopo un'attenta valutazione mi sono deciso per il bianco e nero". Ad eccezione della porta d'ingresso che doveva essere di un rosso inglese brillante.

La finestra interna sul soppalco dà sul corridoio.

Per la decorazione del soffitto nella camera degli ospiti, così come nella zona giorno, Alberto ha deciso di lasciare alcuni dettagli che richiamassero la storia della costruzione. Affinché si potesse attraversare la stanza in modo fluido e senza interruzioni, il letto in legno massello è stato messo con la testiera appoggiata contro il lato lungo della camera.

PRIMA. Prima della ristrutturazione il bagno era semplice, ma senza un fascino particolare.

DOPO. Oggi anche in bagno è presente lo stile industriale che caratterizza il resto dell'arredamento. L'elemento più esotico è però il gabinetto della Samsung, che il "tecnofilo con una piccola fissa per l'igiene" ha fatto arrivare appositamente dalla Corea del Sud. Anche qui i lucidi tubi in rame catturano l'attenzione.

Nero su bianco: la rubinetteria della doccia si adatta alla perfezione allo schema cromatico scelto da Alberto. La piccola mensola per i prodotti per la doccia è stata fatta su misura.

Nel bagno, chi si ferma a dormire ha un proprio armadietto in cui riporre i prodotti per l'igiene personale. Nel caso si fosse dimenticato qualcosa, ha a disposizione una scelta abbastanza ampia di prodotti. Questo perché gli amici sono davvero i benvenuti in questo appartamento.

Contattaci per richiedere ulteriori informazioni